Attività assistenziale

C.U.P.

Centro Unico Prenotazioni
Ospedale San Camillo IRCCS
Lido di Venezia

Tel. 041 22 07 244

Numero Verde 800 86 24 34

(Lun-Ven dalle 11.00 alle 14.00)

Centralino

Tel. 041 22 07 111


Clicca qui per accedere al portale dovesalute.gov.it del Ministero della Salute




bandi e concorsi

  • Terapista occupazionale

    Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di n.1 posto di COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO PERSONALE DELLA RIABILITAZIONE TERAPISTA OCCUPAZIONALE CAT. D - Scadenza 20 febbraio 2017 ore 12.00

  • Logopedista (determinato)

    Avviso Pubblico, per titoli e colloquio, per l’assunzione a tempo determinato di COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO - PERSONALE DELLA RIABILITAZIONE LOGOPEDISTA CAT. D - Scadenza 30 luglio 2017 ore 12.00

  • Fisioterapista (determinato)

    Avviso Pubblico (B.U.R. Veneto n. 35 del 15 aprile 2016), per titoli e colloquio, per l’assunzione a tempo determinato di COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO PERSONALE DELLA RIABILITAZIONE FISIOTERAPISTA CAT. D - scadenza 16 maggio 2016 ore 12.00 - Ammissione dei candidati - Modifica alla delibera di ammissione dei candidati - Convocazione colloquio

  • Infermiere (determinato)

    Avviso pubblico (B.U.R. Veneto n.14 del 19 febbraio 2016), per titoli e colloquio, per l’assunzione a tempo determinato di COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO INFERMIERE CAT. D. - Scadenza 21 marzo 2016 ore 12.00 - Ammissione dei candidati - Integrazione delibera ammissione candidati

  • Logopedista (indeterminato)

    Concorso Pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di n. 1 posto di COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO PERSONALE DELLA RIABILITAZIONE LOGOPEDISTA CAT. D - Scadenza 31 agosto 2017 ore 12.00

  • Dirigente medico (indeterminato)

    Bando concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di n.1 posto di DIRIGENTE MEDICO DELLA DISCIPLINA DI MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE - scadenza 19 giugno 2017 ore 12.00 - Ammissione dei candidati

  • Dirigente medico (determinato)

    Avviso pubblico, per titoli e prova teorico-pratica, per la formulazione di graduatoria da utilizzare per assunzioni a tempo determinato di DIRIGENTE MEDICO DELLA DISCIPLINA DI MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE - Scadenza 24 dicembre 2016 ore 12.00

  • Borse di studio (ricerca)

    Avviso pubblico per l'assegnazione di n.6 BORSE DI STUDIO nell'ambito della ricerca corrente e finalizzata - Scadenza 25 luglio 2017 ore 12.00

  • Educatore professionale

    Concorso Pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di n. 1 posto di COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO – PERSONALE DELLA RIABILITAZIONE EDUCATORE PROFESSIONALE (Cat. D) - Scadenza 13 luglio 2017 ore 12.00 - Ammissione dei candidati

  • Assistente tecnico

    Avviso Pubblico, per titoli e prova teorico-pratica, per l’assunzione a tempo determinato a tempo parziale al 50% per mesi 6 di n. 1 ASSISTENTE TECNICO – PERSONALE TECNICO (Cat. C) - scadenza 22 maggio 2017 ore 12.00

Vedi tutti »

Riabilitazione Neuromotoria

Servizio

Servizio di Riabilitazione Neuromotoria
Responsabile e Coordinatrice
Dr.ssa Simonetta Rossi
Tel. 041.2207527
 
Terapista occupazionaleDr.ssa Gioia Marcassa 
Nella struttura opera un team di più di quaranta fisioterapisti

Per informazioni sui servizi ambulatoriali di riabilitazione (vedi sotto):
Segreteria Coordinamento - Fisioterapista Roberto Fortunato Scanferla
Telefono: 041.22073785 - Dal lunedì al venerdì (eccetto festività), dalle ore 8.15 alle ore 9.00.

Il servizio di Riabilitazione Neuromotoria dell'Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) Ospedale San Camillo del Lido di Venezia si trova al piano terra del padiglione B.
La segreteria del Coordinamento si trova al primo piano del padiglione B.

Strutture

Nel padiglione B sono operative nove grandi palestre:

  • 3 palestre di 70 mq nei reparti di degenza (uno per ogni piano ospedaliero);

  • 3 palestre di 70 mq al primo piano;

  • 3 palestre rispettivamente di 80, 60 e 50 mq al piano terra, dedicate all’attività per i pazienti esterni.

Tutte le palestre sono attrezzate con gli strumenti necessari all’applicazione delle varie tecniche riabilitative. Le palestre sono anche equipaggiate con alcuni apparecchi per approcci riabilitativi d’avanguardia. Oltre alle palestre più ampie, sono anche disponibili, sempre al primo piano del padiglione B, numerose sale più piccole per il trattamento individuale di pazienti che richiedono particolare tranquillità ambientale e per tutti i trattamenti specifici:

  • sala per realtà virtuale;
  • sala per i disturbi dell’equilibrio;
  • sala per il biofeedback;
  • sala per il gait trainer;
  • sala per la riabilitazione respiratoria;
  • sala termoplastici;
  • sala per l'analisi del passo;
  • sala grande per la terapia occupazionale.

Negli spazi esterni dell'IRCCS sono a disposizione dei pazienti:

  • la spiaggia per le attività idroterapiche;

  • un impianto per la riabilitazione equestre (maneggio per ippoterapia);

  • un giardino terapeutico pensato in modo specifico per i pazienti in neuroriabilitazione;

  • due speciali imbarcazioni a vela Access 303 che consentono, grazie ad un accordo di collaborazione siglato con la sezione di Venezia della Lega Navale Italiana, di svolgere attività sportive marinare a favore di persone con abilità limitate, all'interno del programma neuroriabilitativo individuale (progetto "Vela per tutti").

Attività

Il percorso riabilitativo di ogni paziente prevede un progetto riabilitativo individuale finalizzato a garantire il massimo recupero delle funzioni lese attraverso lo svolgimento di tecniche riabilitative sia manuali che strumentali, eseguite da uno o più terapisti.
Si svolge con un'ampia dotazione di materiale che consente di applicare le più comuni metodiche riabilitative: Bobath, Kabat, Perfetti, Grimaldi. In questi ambienti sono svolte altre tecniche standard di fisiochinesiterapia manuali e strumentali (massaggio connettivale, linfodrenaggio manuale, riabilitazione posturale globale).
Oltre all'uso di metodiche classiche, sono utilizzati trattamenti specifici, anche mediante l’impiego di macchinari ad alta tecnologia, sviluppati grazie alle attività di ricerca traslazionale condotte all'interno dell'ospedale, in coordinamento con il laboratorio di cinematica e robotica e con le linee di ricerca n.4 (telemedicina) e n.6 (tecnologie innovative).

Apparecchiature qualificanti

  • Gait Trainer (sistema per la riabilitazione del cammino)
  • Smart Balance Master System (sistema per la riabilitazione dell’equilibrio)
  • VRRS (sistema per la riabilitazione motoria tramite realtà virtuale)
  • Brain Port (Dispositivo di sostituzione sensoriale per la riabilitazione dell’equilibrio)
  • BioFeedBack (sistema per la riabilitazione motoria e sensoriale)
  • Gait Analysis (sistema per la valutazione delle alterazioni del cammino)
  • Neurowave (sistema di monitoraggio continuo di vari parametri e stimolazione sensoriale)

Interventi specifici

Tecniche di biofeedback
Apparecchi di biofeedback goniometrico e elettromiografico sono utilizzati per favorire il recupero di strategie motorie dopo ictus e TCE, come rinforzo per patologie periferiche con ipotonia e come tecnica di rilassamento muscolare.

Interventi per pazienti in stato vegetativo e minimally responsives
L’approccio è multiplo: da un lato il personale è addestrato a metodiche specifiche che utilizzano la stimolazione e il contatto diretto operatore-paziente (tecnica delle stimolazioni sensoriali, tecnica Affolter); da un altro lato viene utilizzato il sistema computerizzato Neurowave, realizzato specificamente per questi pazienti. Lo strumento è in grado di fornire il monitoraggio continuo di vari parametri vitali e neurofisiologici come temperatura, frequenza cardiaca, atti respiratori, EEG, EMG di superficie, attività elettrodermica cutanea. Nello stesso tempo il sistema è in grado di fornire ai pazienti stimolazioni sensoriali di vario tipo, secondo una tempistica stabilita dall’operatore e di registrare eventuali modifiche elettrofisiologiche in rapporto al tipo di stimolo applicato.

Interventi specifici per l’arto superiore
Viene utilizzato un sistema ad alta tecnologia, basato sulla Realtà Virtuale (VRRS, Virtual Reality Rehabilitation System), applicato per la prima volta in Italia all'IRCCS Ospedale San Camillo di Venezia. È basato su meccanismi usualmente utilizzati dal cervello e dalle reti neurali per acquisire nuove abilità motorie: “supervised and reinforcement learning”. Queste forme di apprendimento si basano, a loro volta, su appropriati feedback che vengono somministrati al paziente mediante scenari virtuali con cui il paziente cui interagisce durante il programma riabilitativo. Questo sistema è stato anche adattato per l’utilizzo in ambito di Teleriabilitazione e viene utilizzato anche per l'arto inferiore.

 

 

Interventi specifici per l’arto inferiore
Sono a disposizione due apparecchiature, che pur basandosi su principi simili, forniscono stimolazioni di tipo diverso. La prima è un Tapis roulant fornito di un sistema di allevio del carico per permettere il controllo del passo nei pazienti con parziale compromissione della tenuta del tronco. La seconda, che può essere considerata un’evoluzione della prima, ha il vantaggio di stimolare nel paziente lo svolgimento di un compito specifico e ripetuto. Il paziente viene imbragato e i piedi vengono posti su due pedane mobili che simulano il cammino normale. I parametri di lunghezza e velocità del passo vengono regolati elettricamente mentre un motore sonda la fatica del paziente in modo da regolare individualmente la velocità di rotazione. I movimenti verticali e orizzontali del tronco sono controllati da un sistema fase-dipendente.

Disturbi dell’equilibrio
Oltre agli esercizi classici per il miglioramento dell’equilibrio e a tecniche specifiche per la riabilitazione vestibolare, viene utilizzata una piattaforma posturografica computerizzata, dotata di feedback visivo (Smart Balance Master), in grado di eseguire sia valutazioni, sia esercizi riabilitativi, dinamici e statici, in posizione eretta e seduta. Sullo schermo dell’apparecchio sono rappresentate in tempo reale, sia la posizione del paziente, sia i target da raggiungere, lungo le direttrici antero-posteriore, latero-laterale e diagonali. La valutazione della prova è basata su i seguenti parametri: il tempo di reazione; la velocità del movimento; la distanza percorsa, espressa come percentuale della distanza percorsa correttamente verso il bersaglio, rispetto alla traiettoria completa. Inoltre è stata introdotta una nuova metodica di sostituzione sensoriale. Viene utilizzato uno strumento (Brain Port), dotato di una griglia di elettrodi, che va posta sulla parte anteriore della lingua (IOD), connessa ad un generatore di impulsi elettrici indossato dal paziente. Si sfrutta la meccanosensibilità della lingua e la saliva come ottimo conduttore che permette l’impiego di intensità molto basse. Si richiede al paziente di far rimanere l’impulso al centro della lingua, sia in senso latero-laterale, sia in quello antero-posteriore. Così facendo, si allena a mantenere la stazione eretta all’interno del proprio baricentro, e quindi a mantenere l’equilibrio. Il meccanismo d’azione consiste nell’attivare una sostituzione sensoriale tra sistema tattile e sistema vestibolare.

Riabilitazione equestre
La riabilitazione equestre (a volte anche detta non del tutto correttamente ippoterapia) è una metodica riabilitativa molto comune nel Nord-Europa e negli Stati Uniti, ma ancora poco diffusa in Italia. Viene utilizzata per il controllo della stabilità e la coordinazione del tronco in pazienti con Sclerosi Multipla e lesioni midollari, per migliorare lo schema corporeo nel post-ictus, e per incrementare l’orientamento spaziale nei soggetti con trauma cranico. L’ambiente è fornito degli ausili necessari a favorire la salita e la movimentazione sull’animale, senza pericolo per i pazienti. Il servizio di ippoterapia fa parte dell’Associazione Nazionale Italiana di Riabilitazione Equestre (ANIRE-CNRAFA).

Talassoterapia
L'accesso all'ampio arenile privato, consentito nel rispetto del Regolamento disposto dal Comune di Venezia, e la possibilità di godere nei mesi estivi del refrigerio che esso permette, sono elementi unici e caratteristici dell'IRCCS Ospedale San Camillo di Venezia. Oltre alle attività idroterapiche marine svolte a favore dei pazienti, la spiaggia consente ad ospiti, congiunti ed amici di immergersi nella natura in un contesto ambientale particolare e protetto. Durante la stagione estiva (giugno-settembre) gli ospiti autorizzati possono accedere alla spiaggia dell'ospedale, secondo gli orari prestabiliti. Il relativo servizio è assicurato da un bagnino specializzato, cui compete la responsabilità per la gestione della sicurezza e dell'emergenza.

Terapia occupazionale
All’interno del Servizio di Riabilitazione Neuromotoria è attiva anche la terapia occupazionale; in sale specificatamente adibite è possibile addestrare i pazienti ad un adeguato reinserimento domiciliare o lavorativo, utilizzando normale attrezzatura domestica o ausili computerizzati. Alla terapia occupazionale sono collegati il laboratorio per la preparazione di ausili con materiale termoplastico e il servizio di informazione e indirizzo sugli ausili disponibili in commercio.
La terapia occupazionale inoltre elabora progetti individuali, specifici per ogni singola persona, che prevedono l’integrazione di una o più discipline sportive, scelte liberamente dal paziente, con il programma neuroriabilitativo. L’ammissione alla pratica sportiva prevede la valutazione clinica e del livello di autonomia da parte del medico di competenza e del terapista, insieme ad un monitoraggio costante. L'avvio alla pratica sportiva di persone con malattie neurologiche è possibile grazie ad una convenzione siglata dall'IRCCS Ospedale San Camillo di Venezia con il Comitato Italiano Paralimpico (CIP). Alcune discipline vengono svolte all’interno del San Camillo, nelle aree sportive già presenti nella struttura, grazie al coordinamento dei referenti tecnici individuati dal CIP. Durante il periodo di degenza vengono garantiti i trasporti e la copertura assicurativa dei pazienti interessati, tramite tesseramento. Dopo le dimissioni i pazienti possono proseguire le attività sportive direttamente nelle società aderenti all'iniziativa, in modo da garantire la continuità terapeutica riabilitativa programmata dal San Camillo.

Terapia del dolore
È attivo un ambulatorio per la terapia del dolore che si avvale di varie tecniche, quali mesoterapia, infiltrazioni articolari, stretch and spray, agopuntura.

Modalità di accesso ai servizi ambulatoriali di Riabilitazione Neuromotoria

Come si accede? Quali visite si possono prenotare?
Per accedere ai servizi ambulatoriali di medicina riabilitativa è necessaria una valutazione del medico fisiatra della struttura.
Tutte le visite fisiatriche si possono prenotare presso il Centro Unico di Prenotazione (C.U.P.) dell’Azienda ULSS 3 Serenissima.
Prima di qualunque trattamento è necessario effettuare una visita fisiatrica.
Il medico curante decide la priorità della visita da prenotare (classe B, D o P) e fornisce al cittadino un'impegnativa per "visita fisiatrica", in cui è specificata la diagnosi.
Non può essere richiesta una visita fisiatrica Urgente (Classe U); in caso di necessità il medico curante può inviare il proprio assistito al pronto soccorso.

Cosa sono le priorità?

  • B: visita fisiatrica da eseguire in tempi Brevi, viene eseguita entro 10 giorni dalla prenotazione;

  • D: visita fisiatrica Differibile, viene eseguita entro 20 giorni dalla prenotazione;

  • P: visita fisiatrica Programmabile, viene eseguita entro 180 giorni dalla prenotazione.

 

Visite Fisiatriche

Regime agevolato

Tale regime prevede l’effettuazione della visita fisiatrica e delle terapie fisioterapiche a pagamento con tariffe molto contenute.
Al fine di poter accedere alle terapie in regime agevolato, il paziente dovrà prenotare tramite il CUP una visita con il medico dedicato rispettivamente a patologie ortopediche o neurologiche; non è richiesta l’impegnativa del medico curante.
Dopo la visita specialistica il paziente verrà inserito nella rispettiva lista di attesa che avrà tempi variabili a seconda della richiesta delle terapie in tale regime.

Regime privato

Tale regime prevede l’effettuazione della visita fisiatrica e delle terapie riabilitative a pagamento.
Per prenotare la visita fisiatrica, il paziente dovrà rivolgersi al CUP senza necessità dell’impegnativa del medico curante.
In regime privato vi è la possibilità di scegliere il medico fisiatra che effettuerà la visita ed e il fisioterapista che effettuerà i trattamenti riabilitativi.

Dove si prenotano le visite fisiatriche?

Le visite fisiatriche si prenotano presso il Centro Unico di Prenotazione (C.U.P).
E’ possibile anche effettuare una prenotazione telefonica purché in possesso dell’impegnativa del proprio medico curante al fine di poter comunicare il “codice dell’impegnativa” (leggibile in alto a destra sotto il codice a barre).
Gli orari di apertura del CUP, i recapiti telefonici e tutte le informazioni sulle modalità di prenotazioni sono disponibili in questa pagina.

Che cosa portare il giorno della visita?

Il giorno della visita bisogna portare i referti di eventuali recenti indagini diagnostiche (ecografie, radiografie, risonanze…) così come eventuali lettere di medici specialisti.

Cosa succede se si saltano delle sedute di fisioterapia?

Il Servizio di Riabilitazione dà la possibilità di recuperare una seduta di fisioterapia in caso di documentati motivi di salute; il recupero verrà effettuato in coda al ciclo di trattamento.

Informazioni all'utente
Per informazioni telefonare alla segreteria coordinamento, chiedendo della fisioterapista Roberto Fortunato Scanferladal lunedì al venerdì (eccetto festività), dalle 8.15 alle 9.00.
Telefono 041.22073785.

Pagina aggiornata: marzo 2017

Numeri utili I.R.C.C.S. Ospedale San Camillo di Venezia

Come raggiungerci

  • Da Venezia P.Roma / Stazione FS

    linee di navigazione n° 1 - 5.1 - 6
  • Da Lido S.Maria Elisabetta:

    linee autobus A direzione Alberoni.
  • Da Venezia Tronchetto:

    Linea 17 (ferry-boat) per Lido.
  • Da Chioggia:

    Linea 11 per Lido.

Da Aeroporto Marco Polo:

Da Fusina:

 

Come raggiungere il SAN CAMILLO