C.U.P.

Centro Unico Prenotazioni
Ospedale San Camillo IRCCS
Lido di Venezia

Tel. 041 22 07 244

Numero Verde 800 86 24 34

(Lun-Ven dalle 11.00 alle 14.00)

Centralino

Tel. 041 22 07 111


Clicca qui per accedere al portale dovesalute.gov.it del Ministero della Salute




bandi e concorsi

  • Dirigente medico

    Bando concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di n.1 posto di DIRIGENTE MEDICO DELLA DISCIPLINA DI MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE - scadenza 19 giugno 2017 ore 12.00

  • Assistente tecnico

    Avviso Pubblico, per titoli e prova teorico-pratica, per l’assunzione a tempo determinato a tempo parziale al 50% per mesi 6 di n. 1 ASSISTENTE TECNICO – PERSONALE TECNICO (Cat. C) - scadenza 22 maggio 2017 ore 12.00

Vedi tutti »

Rassegna fotografica di Italo Ballarin

Inaugurazione giovedì 16 marzo 2017 alle ore 10.15
Sala polifunzionale C.S.A. "Stella Maris"
Ingresso libero

Una mostra di immagini in bianco e nero, a rappresentare momenti di vita di persone qualsiasi, catturate in un click. La mostra è aperta a tutti, anche ai pazienti ricoverati al vicino IRCCS Ospedale San Camillo e ai loro familiari.

Un sentito ringraziamento a Francesco Ballarin per le fotografie messe a disposizione, che hanno consentito la realizzazione di questa mostra.


Italo Ballarin nasce a Venezia il 14 luglio 1931.
L'incontro con la fotografia avviene con il possesso del tutto casuale di una vecchia Kodak 35 giunta a Venezia, con gli Alleati, nei primi anni del dopoguerra. Inizia così il suo interesse per questo campo dell'espressione, che successivamente poi diventò professionale.
Una lunga parentesi formativa ed informativa, Italo l'ha vissuta come autodidatta, impegnando il suo tempo con letture scelte, accompagnate dall'uso dell'apparecchio fotografico e della camera oscura, con la volontà di appropriarsi di questi momenti divenuti poi strumentali sul suo "sentire" e vedere l'immagine.
Dopo un periodo di studio e di lavoro, gestito personalmente, nel 1964 incomincia la vera attività professionale presso il gabinetto fotografico di Palazzo Ducale. A Venezia partecipa con il suo vedere e "sentire" fotografico a tutta l'attività inerente alla gestione di Palazzo Ducale, con particolare riguardo alle mostre allestite dal Comune. Per scoprire e documentare parte della sua produzione si elencano in successione alcuni suoi lavori:

  • Nel 1969 ha partecipato, con altri colleghi, alla realizzazione del volume Palazzo Ducale, Roma Eri.
  • Nel 1970 partecipa alla cura della pubblicazione del volume Piazza San Marco, Venezia, Marsilio.
  • Nel 1971 esce Venise au fil du temps, Paris, Joel Cuenot.
  • Nel 1972 la pubblicazione di Venezia scomparsa, Milano, Electa.
  • Nel 1975 Le chiese di Venezia, Milano, Electa.

Nel 1966 il primo incontro, come associato, con l'ambiente del circolo fotografico "La gondola", con il quale avrà, almeno inizialmente, proficui scambi e interazioni.

Un lungo articolo della rivista cecoslovacca "Fotografie" (1968), fa partecipi i suoi lettori della realtà artistica e creativa del circolo veneziano. Tra le immagini compongono l'articolo, alcune sono di Italo.

A testimonianza del suo credere nella potenziale creatività del linguaggio fotografico e nella validità di formazione dello stesso, è la sua collaborazione alla nascita del circolo fotografico e del cinema di animazione "Little Photo", scaturita dall'incontro con alcuni giovani appassionati di Malamocco (Lido di Venezia).

Oltre che nel proprio lavoro, che lo vedeva intento a documentare l'arte nei suoi vari aspetti, nella via quotidiana, era molto apprezzato per il suo assiduo modo di documentare tutto ciò che lo circondava. Uno dei suoi soggetti principali di ricerca è stato il Borgo di Malamocco, luogo dove era cresciuto ed al quale, alla fine degli anni Novanta, aveva dedicato una bella mostra intitolata "Malamocco il mio paese".

Negli ultimi anni, continuando la sua ricerca su Malamocco, ha seguito, instancabilmente, i lavori di riqualificazione che hanno interessato l'antico borgo lidense. Aveva inserito molte immagini all'interno di un menabò a quale stava lavorando da tempo per farne un libro con il quale affidare alle generazioni future una storia sui cambiamenti del borgo. Un lavoro grande e prezioso che la malattia e la morte gli hanno impedito di vedere pubblicato.

Numeri utili I.R.C.C.S. Ospedale San Camillo di Venezia

Come raggiungerci

  • Da Venezia P.Roma / Stazione FS

    linee di navigazione n° 1 - 5.1 - 6
  • Da Lido S.Maria Elisabetta:

    linee autobus A direzione Alberoni.
  • Da Venezia Tronchetto:

    Linea 17 (ferry-boat) per Lido.
  • Da Chioggia:

    Linea 11 per Lido.

Da Aeroporto Marco Polo:

Da Fusina:

 

Come raggiungere il SAN CAMILLO