San Camillo de Lellis

La figura di San Camillo de Lellis

Potessi avere mille braccia per soccorrere questi poveri infermi!
San Camillo de Lellis 

Camillo de Lellis nasce a Bucchianico (Chieti) il 25 maggio 1550. Dopo una giovinezza trascorsa nelle avventure militari, a causa di una misteriosa piaga al piede, si trova buttato improvvisamente nello squallido mondo della sofferenza, negli ospedali romani del suo tempo. Così, a venticinque anni, ne esce sconvolto e, come Paolo sulla via di Damasco, si converte decisamente al Signore, trasformando il suo cuore e la sua vita a beneficio dei sofferenti.

È un testardo che mette a disposizione del cuore la sua inguaribile cocciutaggine per assicurare un’assistenza sanitaria all'insegna della misericordia e della tenerezza, e diventa anche promotore di audaci innovazioni nel campo sanitario. Per questo fonda l’Ordine dei Ministri degli Infermi (Camilliani) per una assistenza “globale” dei malati. Così, per quarant'anni consuma la sua vita nella cura integrale dei malati negli ospedali, nelle case private e nei lazzaretti, guadagnandosi il riconoscimento, da parte della chiesa, di “Fondatore di una nuova Scuola di Carità”.

Nei grandi ospedali di allora (Palermo, Genova, Milano, Roma, Napoli) e dovunque scoppiavano pestilenze e carestie, Camillo è presente con i suoi Religiosi per soccorrere i malati, riformare la sanità e testimoniare con l’esempio l’amore verso i più sfortunati della società.

Muore a Roma nel convento della Maddalena il 14 Luglio 1614. Nel 1746 Papa Benedetto XIV lo proclama santo. Nel 1886 Papa Leone XIII lo dichiara "Patrono universale dei malati e degli ospedali". Nel 1930 Papa Pio XI lo dichiara “Protettore degli infermieri e degli operatori sanitari”.

La sua memoria viene celebrata il 14 luglio, come solennità nelle chiese dell'Ordine e come memoria nelle altre chiese.
Il corpo del Santo è venerato nella Chiesa di Santa Maria Maddalena a Roma; la reliquia del suo cuore è custodita nel Santuario a lui dedicato a Bucchianico, suo paese natale.

Numeri utili I.R.C.C.S. Ospedale San Camillo di Venezia

Come raggiungerci

  • Da Venezia P.Roma / Stazione FS

    linee di navigazione n° 1 - 5.1 - 6
  • Da Lido S.Maria Elisabetta:

    linee autobus A direzione Alberoni.
  • Da Venezia Tronchetto:

    Linea 17 (ferry-boat) per Lido.
  • Da Chioggia:

    Linea 11 per Lido.

Da Aeroporto Marco Polo:

Da Fusina:

 

Come raggiungere il SAN CAMILLO